A Tarsia il primo laboratorio per i beneficiari dei progetti di educazione ed informazione ambientale

Si è svolto a Tarsia, il 28 e 29 giugno, presso Palazzo Rossi, sede direzionale e ”polo didattico-scientifico” delle Riserve naturali regionali del Lago di Tarsia e della Foce del fiume Crati, il primo modulo del laboratorio dedicato ai beneficiari dell’Avviso di Educazione Ambientale, a valere su risorse POR CALABRIA FESR-FSE 2014-2020, Piano di Azione 6 – Azione 6.5.A1 – SUB-Azione 4, promosso dalla Regione Calabria – Dipartimento Ambiente e Territorio.
L’Avviso, infatti, è inserito nel più ampio progetto di accompagnamento “Follow Environment” che ha l’obiettivo di costituire in Calabria la Rete regionale dell’Educazione Ambientale per La Sostenibilità (REALS), nonché di creare, a partire da queste prime iniziative finanziate, un catalogo di progetti e buone pratiche.
Scopo delle attività di laboratorio rivolte ai beneficiari è mettere a sistema i progetti di educazione ambientale, che a partire da settembre prossimo coinvolgeranno oltre 25.000 studenti di circa 250 scuole di ogni ordine e grado di tutto il territorio calabrese, e di adottare una metodologia condivisa e un linguaggio comune, presupposti indispensabili per la creazione della rete di educazione ambientale in Calabria.
Durante la due giorni, organizzata da Formez PA, i beneficiari – educatori ambientali appartenenti a diversi soggetti regionali come Enti gestori di aree protette, Soggetti INFEA, Carabinieri della Biodiversità, Associazioni ambientaliste, Fondazioni e altri soggetti privati – hanno partecipato a sessioni seminariali, esercitazioni pratiche e giochi di ruolo, approfondendo la conoscenza reciproca e dei territori di provenienza e scambiandosi buone pratiche con lo scopo di metterle a fattore comune.
Il prossimo appuntamento è previsto nella seconda metà di luglio.

Chiudi il menu