riserve naturali della regione calabria lago di tarsia foce del crati
 
home page
attività in corso
news ed eventi
galleria fotografica
logo 25 amici della terra italia regione calabria
 
    Seguici su facebook
MAPPA DEL SITO CONTATTI



ENTE
SERVIZI
TERRITORIO
LAGO DI TARSIA
FOCE DEL CRATI
VISITA ALLE RISERVE
L'ATTIVITA' DI EDUCAZIONE AMBIENTALE
BIODIVERSITA'
PROGETTI E ATTIVITA'
PUBBLICAZIONI
RASSEGNA STAMPA
STAGE E FORMAZIONE
CENTRO DI ESPERIENZA AMBIENTALE
MOSTRE E POSTER


newsletter
 
Iscriviti per essere aggiornato sulle iniziative ed eventi
 
 
 
Home page » dettaglio notizia in evidenza


In evidenza



04/05/2013 | FLORA & FAUNA ACQUATICHE DELLA RISERVA FOCE DEL CRATI
 

La pubblicazione racchiude i risultati del Progetto “Conservazione, tutela e monitoraggio delle specie di fauna e flora acquatiche e dei relativi habitat della Riserva naturale regionale Foce del fiume Crati”, attivato nell’ambito del Programma Operativo del Fondo Europeo per la Pesca, promosso dalla Regione Calabria – Dipartimento Agricoltura e Foreste.

Lo studio, realizzato dall’Ente gestore delle Riserve con il supporto scientifico del Dipartimento di Ecologia, Biologia e Scienze della Terra dell’Università della Calabria, si è prefisso lo scopo di conoscere quanti e quali specie vivono, come sono distribuite, le relazioni che intercorrono con le altre componenti ambientali, nella più interessante area di transizione della ns. Regione, al fine di avviare programmi e azioni di tutela e conservazione ma anche di informazione e divulgazione.


Per quanto attiene la componente faunistica sono stati individuati e validati 175 taxa animali, di questi 109 rinvenuti nell’area marina e 66 nell’area fluviale. Le specie in comune tra area marina e area fluviale sono 22.
 
Tra le specie faunistiche di elevato valore naturalistico rinvenute, singolare ed inaspettata si è rilevata la presenza del Cavalluccio, presente con due specie (il Cavalluccio marino comune e il Cavalluccio marino camuso) e con una popolazione a maggiore densità per il Mediterraneo. Specie atipica per gli ambienti di transizione come la Foce del Crati, tant’è che una condizione simile nel Mediterraneo è segnalata solo per delle popolazioni portoghesi della Laguna di Ria Formosa nell'Oceano Atlantico.
 
Altrettanto interessante e meritevole di ulteriori indagini scientifiche è l’aspetto relativo alla componente botanico-vegetazionale, che si è manifestato con la presenza di specie macrofitiche, microfitiche e piante superiori di grande importanza ecologica per gli ecosistemi monitorati.
 
Le specie botaniche rilevate e validate sono 57 tra piante superiori, macrofite e microfite acquatiche, e 39 sono i generi di fitoplancton, l’insieme degli organismi che costituiscono la base della catena alimentare nella maggioranza degli ecosistemi acquatici e che produce la metà dell'ossigeno totale prodotto dagli organismi vegetali della Terra.
 
Anche per la flora acquatica sono state rinvenute piante macrofite nuove per la flora calabra come l’Angiosperme (Najas marina) e alghe rare e di pregio naturalistico, come unici si presentano gli aspetti fitoplanctonici, con la presenza di generi che annoverano specie nuove per i mari di Calabria.
 
Ma il risultato altrettanto interessante, che rafforza l’importanza che questo lembo di territorio protetto ha nella tutela delle risorse ambientali, è quello che la Foce del fiume Crati rappresenta non solo un’area di ripopolamento ma anche la fonte alimentare per tutta la fauna ittica dell’Alto Jonio Cosentino.

Citazione bibliografica consigliata:
AA.VV., 2013, Flora e Fauna acquatiche della Riserva naturale regionale Foce del fiume Crati.
Edizione Amici della Terra Italia/Ente gestore Riserve Tarsia-Crati, Tarsia (Cs).







© 2000 - 2017 Ente gestore Riserve Tarsia - Crati | Cod. Fisc 80425370584 | info@riservetarsiacrati.it


Powered by
elabografica web solutions