Adesione delle Riserve all’edizione 2022 di M’ammalia la settimana dei Mammiferi

  • Autore dell'articolo:

Anche per l’edizione 2022 le Riserve naturali regionali del Lago di Tarsia e della Foce del fiume Crati hanno aderito a “M’ammalia la Settimana dei Mammiferi“, promossa dall’ATIt (Associazione Teriologica Italiana) e realizzata in collaborazione con l’ANMS (Associazione Nazionale Musei Scientifici).

“M’ammalia” è un insieme di eventi coordinati dall’Associazione Teriologica Italiana e organizzati da istituzioni scientifiche e culturali (musei naturalistici, orti botanici, biblioteche), aree naturali protette e associazioni, con il fine di far conoscere i mammiferi, le loro caratteristiche, gli ecosistemi di cui fanno parte e le loro problematiche di conservazione.

Il tema di quest’anno promosso dalle Riserve e patrocinato da ATIt (Associazione Teriologica Italiana) ed inserito nel calendario degli eventi è: I mammiferi ai giorni nostri, alcuni minacciati altri in espansione. Conosciamoli meglio.

L’Ente gestore delle Riserve-Amici della Terra, attraverso un percorso specifico ad approccio multidisciplinare, vuole far conoscere all’utenza interessata (scolaresche e visitatori), l’importanza che rivestono questi animali e porre in risalto la necessità di trovare un giusto equilibrio di convivenza con l’uomo tra esigenze di conservazione e limitazione delle specie invasive.

Molto ricco il programma offerto delle Riserve che spazia dalle viste guidate alla Sezione Aree Protette del Museo di Storia Naturale, seminari, proiezioni video, percorsi didattici per le scuole, discussioni sul tema, presso i Centri Visitatori e risorse on-line.

Ancora, consultabile sia sul portale web www.riservetarsiacrati.it (Sezione Gli Sfogliabili delle Riserve), e nella sezione multimediale del Museo l’Atlante dei Mammiferi Terrestri della Riserva naturale regionale del Lago di Tarsia, che racchiude i risultati di uno studio specifico sui mammiferi.

Tarsia (Cs), 24 ottobre 2022

Amici della Terra
Ente gestore Riserve Tarsia-Crati

Lascia un commento