<Notevole interesse da parte delle scuole del territorio per l’edizione 2023 di “M'ammala la Settimana dei Mammiferi”

  • Autore dell'articolo:

Ha riscosso notevole interesse l’edizione 2023 di “M’ammalia la Settimana dei Mammiferi” da parte degli alunni delle scuole che vi hanno preso parte. L’iniziativa, giunta alla sua xv edizione, è stata promossa a livello nazionale dall’ATIt (Associazione Teriologica
Italiana) e svolta dal 23 ottobre al 5 novembre 2023 in collaborazione con l’ANMS (Associazione Nazionale Musei Scientifici).

“M’ammalia” è un insieme di eventi coordinati dall’Associazione Teriologica Italiana e organizzati da istituzioni scientifiche e culturali (musei naturalistici, orti botanici, biblioteche), aree naturali protette e associazioni, con il fine di far conoscere i mammiferi, le loro caratteristiche, gli ecosistemi di cui fanno parte e le loro problematiche di conservazione.

Il tema dell’edizione 2023 promosso dalle Riserve naturali regionali del Lago di Tarsia e della Foce del fiume Crati, inserito nel calendario nazionale delle attività, è stato: “L’uomo e i mammiferi alieni: una coesistenza difficile. Cosa fare e come comportarsi”, dedicato alla coesistenza tra l’uomo e questi mammiferi.

Un argomento quello della coesistenza sempre più attuale a livello mondiale anche per il crescente consumo di suolo che crea nuove interazioni tra umani e animali e spesso i conflitti generati si trasformano in minacce per la conservazione delle specie e per la qualità della vita delle persone.

La coesistenza comporta l’adozione di misure specifiche da parte delle Istituzioni, ma anche l’assunzione di comportamenti da parte dei Cittadini nei confronti dei mammiferi alieni.

L’Ente gestore delle Riserve-Amici della Terra ha voluto far conoscere all’utenza interessata (scolaresche e cittadini) come le specie aliene o invasive, introdotte volutamente o accidentalmente dall’uomo in un territorio che non è il loro habitat naturale, rappresentino un danno e una minaccia per la biodiversità, la salute umana e la nostra economia e, nello stesso tempo, ha posto in risalto la necessità di trovare un giusto equilibrio di coesistenza tra esigenze di conservazione e limitazione delle specie invasive.

Molto ricco il programma offerto delle Riserve, che ha spaziato dalle viste guidate alle Sezioni del Museo di Storia Naturale, a seminari, proiezioni video, percorsi didattici per le scuole, discussioni sul tema presso i Centri Visitatori del Lago di Tarsia e della Foce del fiume Crati.

Tarsia (Cs), 8 novembre 2023

Amici della Terra
Ente gestore Riserve Tarsia-Crat
i